HomeAssorologi1° luglio 2020: scatta la prima soglia di riduzione del limite di utilizzo del denaro contante

1° luglio 2020: scatta la prima soglia di riduzione del limite di utilizzo del denaro contante

Come è noto, nell’ordinamento legislativo italiano, la limitazione all’utilizzo del contante e dei titoli al portatore è inserita nell’ambito delle disposizioni antiriciclaggio e, in particolare, è prevista dall’art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 e successive modificazioni.

Come ASSOROLOGI ha comunicato a suo tempo, in base alle modifiche introdotte dall’art. 18 del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124, convertito dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157 (collegato fiscale alla legge di bilancio 2020), a decorrere dal 1° luglio 2020 è vietato il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano essi persone fisiche o giuridiche, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a 2.000 euro.

Il Ministero dell’economia e delle finanze ha chiarito che con la definizione “soggetti diversi” si intendono entità giuridiche distinte. Vengono dunque inclusi, a titolo esemplificativo, anche i trasferimenti intercorsi tra due società, o tra il socio e la società di cui questi fa parte, o tra società controllata e società controllante, o tra legale rappresentante e socio o tra due società aventi lo stesso amministratore, per acquisti o vendite, per prestazioni di servizi, per acquisti a titolo di conferimento di capitale, o di pagamento dei dividendi. Inoltre, nella violazione sono coinvolti entrambi i soggetti che hanno effettuato il trasferimento: non solo, quindi, il soggetto che effettua la dazione di denaro, ma anche quello che lo riceve.

Il trasferimento di denaro contante superiore alla soglia sopra indicata, quale che ne sia la causa o il titolo, è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti, inferiori al limite, che appaiono artificiosamente frazionati. Per operazione frazionata si intende un’operazione unitaria sotto il profilo economico, di valore pari o superiore ai limiti stabiliti, posta in essere attraverso più operazioni, singolarmente inferiori ai predetti limiti, effettuate in momenti diversi ed in un circoscritto periodo di tempo fissato in sette giorni, ferma restando la sussistenza dell’operazione frazionata quando ricorrano elementi per ritenerla tale.

La nuova soglia dei 2.000 euro resterà in vigore fino al 31 dicembre 2021 ed è destinata ad abbassarsi ulteriormente a 1.000 euro a decorrere dal 1° gennaio 2022.

Dal punto di vista sanzionatorio, fatta salva l’efficacia degli atti, per le violazioni commesse e contestate dall’1.7.2020 al 31.12.2021, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000,00 a 50.000,00 euro. In seguito alle novità apportate in ordine ai limiti di utilizzo del denaro contante, si prevede che:

Per le violazioni che riguardano importi superiori a 250.000,00 euro, la sanzione continua ad essere quintuplicata nel minimo e nel massimo edittali.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!